HomeBlogAltcoin: cosa sono? Tutto quello che devi sapere
cosa sono altcoin

Altcoin: cosa sono? Tutto quello che devi sapere

Cosa sono le Altcoin? Le criptovalute diventano ogni giorno più diffuse e, di conseguenza, cresce la necessità di imparare tutto il possibile sulle monete digitali che compongono il mercato.

Questo articolo illustrerà gli aspetti fondamentali riguardanti l’investimento in Altcoin. È importante non avere fretta nella ricerca di nuovi investimenti e prendersi il tempo necessario per leggere articoli di base per comprendere il funzionamento di una blockchain, capire come investire in criptovalute e ottenere dei portafogli efficienti.

Se hai familiarità con le basi del mondo delle criptovalute e vuoi approfondire, questo articolo ti aiuterà a scoprire quali sono le altcoin interessanti e come valutarle.

Cosa sono le Altcoin?

Le Altcoin sono criptovalute alternative a Bitcoin, ovvero tutte quelle criptovalute che non sono bitcoin stesso. Esistono moltissime Altcoin diverse ognuna con le sue caratteristiche uniche e con il suo caso d’uso specifico.

Spesso si sviluppano Altcoin per risolvere problemi o soddisfare esigenze specifiche che Bitcoin non riesce a soddisfare o per offrire funzionalità aggiuntive. Alcune Altcoin sono state sviluppate con l’obiettivo di essere più veloci o più sicure di Bitcoin mentre altre sono state create per supportare determinate applicazioni o per sfruttare specifiche opportunità di mercato.

Quante sono le Altcoin?

Il numero di Altcoin esistenti è in costante cambiamento, poiché vengono continuamente sviluppate nuove criptovalute e altre vengono abbandonate o falliscono.

A partire dal 2021, il numero di Altcoin conosciute era di circa 8000, ma questo numero è aumentato e diminuito nel corso degli ultimi anni, seguendo la ciclicità del mercato. Solo una piccola parte delle Altcoin ha una capitalizzazione di mercato significativa o è ampiamente utilizzata.

Capitalizzazione di mercato & dominance di BTC

Molti progetti di Altcoin sono in realtà progetti di ICO (Initial Coin Offering) ovvero offerte di monete digitali che vengono vendute agli investitori in cambio di denaro o altre criptovalute. Non tutti i progetti di ICO hanno successo e molti falliscono o non vengono mai completati. Pertanto, il numero effettivo di Altcoin attive e utilizzate può essere considerevolmente inferiore al numero totale di Altcoin esistenti.

Per avere un’idea della vastità del mercato e dei progetti esistenti esistono alcuni siti come Coinmarketcap e Coingeko, dove è possibile monitorare la situazione corrente e filtrare la ricerca in base ai nostri parametri d’interesse. Stando a quanto riportato da questi siti al momento le criptovalute listate sono oltre 22 mila, ed è probabile che continuino ad aumentare nel prossimo futuro.

Un aspetto fondamentale dell’investimento in Altcoin è la scelta del progetto su cui andare ad investire. Questa scelta, estremamente complicata, può essere aiutata da un fattore che già conosciamo dal mondo della finanza tradizionale: la capitalizzazione. Per le aziende la capitalizzazione è data dalla moltiplicazione del numero di azioni per il prezzo.

altcoin cosa sono e come funzionano

Criptovalute e capitalizzazione

Per le criptovalute il discorso è simile, con la differenza che al posto del numero di azioni sarà il numero di token effettivamente emessi ad essere moltiplicato per il relativo prezzo a definirne la capitalizzazione di mercato.

Come per le aziende che già conosciamo, anche in questo caso una maggior capitalizzazione è generalmente sinonimo di un progetto ben avviato e più solido rispetto ad uno sconosciuto appena lanciato. Sebbene questo non sia sufficiente a determinare la bontà del progetto stesso, alla luce delle migliaia di progetti attualmente in sviluppo è un buon metodo per effettuare una scrematura iniziale.

La dominance di Bitcoin è una misura della quota di mercato del bitcoin rispetto alle altre criptovalute: si calcola come la capitalizzazione di mercato del Bitcoin divisa per la capitalizzazione di mercato di tutte le criptovalute.

Ad esempio, se la capitalizzazione di mercato del Bitcoin è di $100 miliardi e la capitalizzazione di mercato di tutte le altre criptovalute è di $50 miliardi, la dominance sarebbe del 66,6%. La dominance di Bitcoin può essere utilizzata come un indicatore della forza o della debolezza della criptovaluta per eccellenza rispetto alle altre criptovalute e del mercato intero, così da avere un’idea della direzione macro attualmente in corso.

Quali sono le cryptovalute Altcoin?

Le principali altcoin sono criptovalute che hanno una capitalizzazione di mercato significativa o sono ampiamente utilizzate. Ecco alcune delle altcoin più conosciute:

  • Ethereum: è una criptovaluta basata sulla blockchain che viene spesso definita come “la criptovaluta per gli sviluppatori”. Ethereum offre una piattaforma su cui gli sviluppatori possono costruire e distribuire contratti intelligenti e decentralizzati, i cosiddetti Smart Contract;
  • Litecoin:  sviluppata come una versione “leggera” del bitcoin, con transazioni più veloci e una quantità di monete totali maggiore;
  • Ripple: è una criptovaluta progettata per il trasferimento di denaro a livello internazionale. Viene usato dalle banche e dalle società finanziarie per pagamenti transfrontalieri;
  • Monero: progettata nel 2014 per un elevato livello di privacy. Monero utilizza tecniche di crittografia avanzate per transazioni da tracciare;
  • Binance Coin: è la criptovaluta nativa della piattaforma di scambio di criptovalute Binance. Si usa per pagare le commissioni sulla piattaforma e può essere scambiato con altre criptovalute;
  • Cardano: è una piattaforma di blockchain open source che fornisce una soluzione scalabile e sicura per lo sviluppo di applicazioni decentralizzate (dApps). È stata sviluppata da un team di ricercatori e sviluppatori coordinati da Charles Hoskinson, co-fondatore di Ethereum;
  • Polygon: blockchain open source basata su Ethereum dà una soluzione scalabile per lo sviluppo di applicazioni decentralizzate (dApps). Mira a diventare una delle principali piattaforme per lo sviluppo di dApps, per un ambiente e strumenti di sviluppo e di integrazione, per facilitare la creazione di dApps.

Queste sono solo alcune delle altcoin più conosciute. Ce ne sono moltissime altre, ognuna con le loro caratteristiche uniche e scopo d’uso specifico.

Vuoi una guida completa per imparare velocemente tutti i segreti del mondo delle crypto e come investirle? Entra nel Caveau degli investimenti!

Delle Altcoin particolari: le Stablecoin

Una Stablecoin è un tipo di criptovaluta progettata per mantenere stabile il suo valore, spesso legandolo a una valuta fiat (come l’euro o il dollaro) o a un bene fisico (come l’oro o l’argento).

Le Stablecoin sono nate per fornire un’alternativa alle criptovalute volatili, che possono, invece, subire ampie fluttuazioni di prezzo in brevissimo tempo. Possono essere divise in due categorie principali: le stablecoin collateralizzate e le stablecoin non collateralizzate.

Le Stablecoin collateralizzate sono garantite da una riserva di valuta fiat o di beni fisici. Quelle non collateralizzate sono mantenute stabili grazie a un algoritmo che regola la domanda e l’offerta. Queste sono nate con l’obiettivo di offrire ai possessori un modo per trasferire denaro in modo rapido ed economico, senza doversi preoccupare delle fluttuazioni di prezzo delle criptovalute tradizionali.

Tuttavia, le Stablecoin non sono senza rischi, poiché possono essere soggette a problemi di liquidità e a regolamentazioni da parte dei governi.

Ricordiamo il caso di Terra (LUNA) e della sua Stablecoin algoritmica UST, che a fronte di problemi di liquidità ha portato al collasso l’intero ecosistema Terra decretando la fine del progetto.

Le principali Stablecoin

Le principali Stablecoin attualmente in circolazione sono:

  • Tether: è collateralizzata dal dollaro statunitense. Tether viene spesso utilizzato come mezzo di scambio su molte piattaforme di scambio di criptovalute;
  • USDC: è collateralizzata dal dollaro statunitense emessa da Circle e Coinbase. USDC viene utilizzata come mezzo di scambio su molte piattaforme di scambio di criptovalute e viene spesso utilizzata come strumento di riserva di valore;
  • Paxos Standard: è collateralizzata dal dollaro statunitense emessa da Paxos;
  • DAI: è una algoritmica non collateralizzata emessa da MakerDAO. DAI viene mantenuta stabile attraverso un algoritmo che regola la domanda e l’offerta ed è attualmente l’unica tra le più famose ed utilizzate a sfruttare il concetto di stablecoin algoritmica;
  • BUSD: è una collateralizzata dal dollaro statunitense emessa da Binance. BUSD viene utilizzata come mezzo di scambio sulla piattaforma di scambio di criptovalute Binance.

Come si investe in Altcoin?

Investire in Altcoin può essere rischioso, poiché il mercato delle criptovalute è altamente volatile, oltre al fatto che le Altcoin sono spesso meno mature e meno stabilizzate rispetto al Bitcoin. Inoltre, molti progetti di Altcoin sono in realtà progetti di ICO (Initial Coin Offering), ovvero offerte di monete digitali che vengono vendute a investitori in cambio di denaro o altre criptovalute.

Non tutti i progetti di ICO hanno successo e molti falliscono o non arrivano al completamento. Pertanto, è importante fare un’attenta valutazione del rischio prima di investire in qualsiasi Altcoin. Meglio affidarsi alla consulenza finanziaria online!

Detto questo, alcune Altcoin hanno avuto un rendimento molto significativo in passato e potrebbero rappresentare opportunità di investimento interessanti per gli investitori disposti a correre dei (grossi) rischi. Tuttavia, è importante fare una ricerca accurata e comprendere le caratteristiche e il potenziale di ogni altcoin prima di investirci.

In più, è importante diversificare il proprio portafoglio e non investire tutto il proprio denaro in una singola altcoin o in criptovalute in generale.

Investire in Altcoin: i rischi

Dopo aver risposto alla domanda “Cosa sono gli Altcoin?”, è fondamentale comprendere i rischi e fare una valutazione accurata del proprio profilo di rischio prima di investire in questo mondo, così come per qualsiasi investimento.

Specialmente in un mondo particolare come quello delle criptovalute, caratterizzato da una volatilità estrema, è talmente importante da dare vita ad un acronimo “DYOR” che sta per Do Your Own Research, ossia “Fai la tua ricerca” ed è una sorta di mantra nel settore delle crypto.

Un buon punto di partenza per qualsiasi ricerca è il White Paper. Il team di sviluppo rilascia questo documento, in cui viene spiegato a grandi linee il progetto di fondo e come il team intende realizzarlo, ma non è sufficiente, in quanto in passato è capitato molte volte di leggere White Paper fantastici, ma che nella realtà nascondevano solo un progetto fallimentare.

Per questo è bene cercare quante più informazioni possibili sul progetto e iniziare a masticare qualche aspetto tecnico per comprendere la validità di alcune proposte.

Altri punti salienti da controllare prima di investire in un progetto sono la “Tokenomics”. In questo caso ci riferiamo all’economia del token emesso dal progetto, per cercare di capire se potrà essere veramente utile e di conseguenza se ci sarà domanda a spingerne il prezzo verso l’alto. Infine, è sempre bene dare uno sguardo anche al team di sviluppo per vedere se sono noti o anonimi, e soprattutto nel primo caso controllare se hanno già fatto parte di qualche team di sviluppo nel mondo cripto/blockchain.

criptovalute sono altcoin

È possibile “minare” Altcoin?

Sì, è possibile minare Altcoin, proprio come è possibile minare il Bitcoin. Il mining di criptovalute è il processo attraverso il quale vengono verificate e aggiunte le transazioni a una blockchain. In cambio i “minatori” ricevono una quantità di monete digitali come ricompensa.

In realtà, è bene fare un distinguo: il concetto di mining puro è applicabile esclusivamente alle blockchain che si basano sulla Proof of Work (PoW). L’esempio più celebre è Bitcoin stesso. Questo è un sistema di sicurezza altamente energivoro, che richiede un hardware con una potente scheda grafica e un software di mining specifico per quella particolare altcoin. Dopo aver configurato il software di mining, il computer inizierà a risolvere problemi matematici complessi per verificare e aggiungere transazioni alla blockchain. Ad ogni problema risolto, il minatore riceve una quantità di monete digitali come ricompensa.

Il mining di Altcoin può essere un’attività redditizia. Ciononostante, richiede un investimento in hardware e software costoso, oltre che una notevole quantità di energia per funzionare. Inoltre, poiché il mining diventa sempre più “competitivo” man mano che i “minatori” aumentano, è necessario anche continuamente aggiornare il proprio hardware per rimanere competitivi.

Altcoin e mining pool

Un mining pool è un gruppo di minatori di criptovalute che si uniscono per condividere le loro risorse di calcolo e aumentare le loro possibilità di risolvere problemi e ottenere ricompense. In un mining pool, i minatori cedono la loro potenza di calcolo alla pool e ogni volta che si ottiene una ricompensa viene suddivisa tra i membri in base alla quantità di potenza di calcolo con cui hanno contribuito.

Sono stati creati per consentire ai minatori individuali di avere maggiori possibilità di ottenere ricompense, poiché il mining diventa sempre più difficile man mano che vengono risolti più problemi.

Unirsi a un mining pool può essere un modo per i minatori di aumentare i loro profitti. Per partecipare, c’è da pagare una quota di iscrizione o una commissione sui profitti ottenuti. Esistono molti mining pool diversi per diverse criptovalute, ognuna con le sue caratteristiche uniche e il suo scopo specifico. Prima di unirsi a uno di questi, è importante fare una ricerca accurata e comprendere i termini e le condizioni del mining pool, nonché i costi e le commissioni associati.

Conclusioni

Per concludere è importante sottolineare nuovamente come questo sia un mondo pieno di opportunità ma anche di rischi. Un parallelismo appropriato potrebbe essere fatto con la nascita di internet e la Bolla Dot-Com, il fenomeno che ad inizio anni 2000 investì il mercato con una nuova tecnologia, ma portò con sé anche tante truffe e progetti fallimentari.

La raccomandazione finale è sempre quella di conoscere ed approfondire qualsiasi strumento prima di investirci, capirne il funzionamento, le caratteristiche, i vantaggi e soprattutto i rischi connessi ci permette di maneggiare in maniera appropriata qualsiasi asset.

Investire o peggio speculare su un asset di cui non comprendi appieno le dinamiche, potrebbe avere conseguenze disastrose per il tuo portafoglio ed esporti a importanti perdite di capitale.

Ottimizza il tuo portafoglio adesso! Ti regaliamo un’analisi degli investimenti gratuita e una consulenza con un professionista a te dedicato.

15 libri da leggere di economia e finanza per iniziare a investire

Cosa sono le Altcoin? Le criptovalute diventano ogni giorno più diffuse e, di conseguenza, cresce la necessità di imparare tutto il possibile sulle monete digitali che compongono il mercato. Questo articolo illustrerà gli aspetti fondamentali riguardanti l’investimento in Altcoin. È importante non avere fretta nella ricerca di nuovi investimenti e prendersi il tempo necessario per […]

Quali sono i mercati più volatili?

Cosa sono le Altcoin? Le criptovalute diventano ogni giorno più diffuse e, di conseguenza, cresce la necessità di imparare tutto il possibile sulle monete digitali che compongono il mercato. Questo articolo illustrerà gli aspetti fondamentali riguardanti l’investimento in Altcoin. È importante non avere fretta nella ricerca di nuovi investimenti e prendersi il tempo necessario per […]

Truffe finanziarie: esempi per riconoscerle

Cosa sono le Altcoin? Le criptovalute diventano ogni giorno più diffuse e, di conseguenza, cresce la necessità di imparare tutto il possibile sulle monete digitali che compongono il mercato. Questo articolo illustrerà gli aspetti fondamentali riguardanti l’investimento in Altcoin. È importante non avere fretta nella ricerca di nuovi investimenti e prendersi il tempo necessario per […]