Società di Consulenza Finanziaria Indipendente

Contattaci 02 5407 9537 Lun-Ven 9-19

HomeBlogAvere dei beni rifugio in portafoglio è davvero conveniente?
oro bene rifugio

Avere dei beni rifugio in portafoglio è davvero conveniente?

Sentiamo spesso parlare di beni rifugio, come un eventuale protezione in momenti incerti di mercato finanziario. Ma è davvero così? E come scegliere un bene rifugio?

Quali sono i beni rifugio?

I beni rifugio, dall’inglese safe Heaven, sono quei beni dotati di un valore reale che solitamente si mantiene anche nei periodi di turbolenza dei mercati o quando l’economia subisce un aumento dei prezzi.

I beni rifugio possono cambiare nel tempo, quindi è molto importante sceglierli con attenzione. Devono essere stabili e duraturi, e devono avere una liquidità elevata.

Molti si chiedono se l’oro è un bene rifugio, se i diamanti sono beni rifugio e se gli immobili sono beni rifugio…Rispondiamo subito: la prima grande categoria di beni rifugio è costituita da quelli materiali: oro e altri metalli preziosi, beni immobili, materie prime e fonti energetiche.

Alla seconda categoria appartengono invece beni intangibili, come titoli di Stato e valute. Il valore di questi beni dipende dal forte potere rassicurante che hanno sugli investitori. Ad esempio il dollaro (USA), lo yen, e il franco svizzero.

L’oro come bene rifugio

In questo periodo di guerra in Ucraina, gli italiani scommettono su oro, diamanti ma anche francobolli, facili da trasportare e molto resistenti anche agli urti dell’inflazione.

Dai primi giorni della guerra in Ucraina, è triplicato il numero di persone che comprano di più. Altri sono al primo acquisto perché vedono in questi oggetti un punto di sicurezza in un momento di svalutazione del denaro. I beni rifugio, sono oggetti che in una situazione di emergenza si possono liquidare con assoluta velocità e relativa sicurezza sul controvalore. Di solito, all’origine, non c’è un desiderio di guadagnare.

Quindi l’obiettivo non è speculativo ma si vuole avere la certezza di aver messo al sicuro i propri risparmi. Tra i beni rifugio che attirano di più gli italiani in questo periodo ci sono sicuramente l’oro e i francobolli. Gli acquisti partono da poche centinaia di euro per arrivare a centinaia di migliaia.

Gli acquisti di beni rifugio negli ultimi anni hanno avuto un picco nei primi mesi del 2020, seguito poi da una fase di normalizzazione. Ora siamo tornati a quei livelli. L’oro grazie alle sue piccole dimensioni e quindi alla facilità di trasporto, è considerato un valore di riferimento ufficiale a livello universale.

L’investimento in oro, rappresenta il bene rifugio per antonomasia, in grado di resistere durante i periodi di crisi, e per questo è considerato una vera e propria assicurazione fisica.

Richiedi l’analisi gratuita dei tuoi investimenti e scopri quanto puoi risparmiare ogni anno.

Comprare diamanti come beni rifugio

Nell’arco dei millenni i diamanti sono sempre stati legati all’idea di un bene facilmente trasferibile. Ancora oggi è lo stesso. C’è chi li compra per piacere, chi per diversificare, chi di fronte a una crisi internazionale, soprattutto se collegata a una guerra. Basta indossarlo e portarlo con sé.

È una moneta di scambio concreta. Ecco così che un frammento di carbonio, trasformato in cristallo, è diventato la pietra più costosa in assoluto. In periodi di crisi sono numerosi gli investitori che ricorrono ai cosiddetti beni rifugio.

Tra questi sono però pochi coloro che decidono di investire in diamanti. Finanziariamente l’investimento in diamanti si presenta con una caratteristica che risulta sicuramente molto profittevole, in quanto i ricavi della compravendita non sono soggetti a tassazione.

I motivi per cui i diamanti hanno un elevato valore sono dovuti alle estreme difficoltà per la loro estrazione. Ecco perché mantengono un prezzo piuttosto alto e di conseguenza possono essere utilizzati come bene rifugio, in corrispondenza di eventi economici negativi, a protezione del proprio capitale.

Per un corretto investimento in diamanti, è opportuno farsi rilasciare un certificato da un istituto gemmologico che indica tutta una serie di informazioni dettagliate sul colore, la purezza, il taglio ed il peso della pietra.

Un altro aspetto da considerare nel momento in cui si decide di investire in diamanti, è tenere conto del rischio di cambio. Proprio come qualsiasi altro investimento in materie prime, anche i diamanti sono quotati in dollari, e per questo soggetti al rischio di cambio.

Senza dubbio i diamanti di qualità molto elevata, sono quelli che con il passare degli anni hanno registrato le migliori performance sul prezzo.

Ma a tal riguardo occorre sottolineare che sono anche fuori mercato, e per tali motivi è possibile anche registrare una flessione nei prezzi. Importante è invece prestare attenzione alle proporzioni, al taglio ed alla simmetria.

I beni rifugio in caso di guerra

In questo periodo di guerra in Ucraina, vediamo come si muovono le varie asset class, in modo da vedere effettivamente la decorrelazione con i beni rifugio per comprendere come, questi ultimi potrebbero fungere da paracadute in momenti incerti, come quello attuale.

Dal seguente grafico, prendendo in considerazione un arco temporale da inizio 2022 ad oggi, messe a confronto, si nota come l’impennata dell’Oro si rifletta con un deprezzamento da parte del mercato Azionario Globale, accompagnata da una rivalutazione della valuta forte, il Dollaro USD (Oro in blu; azionario globale in rosso; dollaro USA in verde).

grafico beni rifugio

volatilità beni rifugio

Richiedi l’analisi gratuita dei tuoi investimenti e scopri quanto puoi risparmiare ogni anno.

Da investitori di lungo periodo, dobbiamo anche essere consapevoli che rischio/rendimento vanno di pari passo. Per questo ogni ponderazione delle singole asset class deve essere ben pianificata, con l’obiettivo di non rischiare più del dovuto.

Per avere la dovuta stabilità in momenti di crash di mercato ed avere il patrimonio al sicuro. Questo senza lasciare sul piatto i rendimenti che un mercato finanziario può dare come ritorno.

Allora, avere beni rifugio in portafoglio è davvero conveniente?

Su orizzonti temporali più lunghi, avere beni rifugio in portafoglio soprattutto in un clima sereno, preclude la possibilità di avere il pieno rendimento del mercato azionario. È un costo che si sostiene per mediare la volatilità ed avere una maggiore sicurezza. Vediamo l’andamento delle stesse 3 asset class ma in un periodo più lungo (Oro in blu; azionario globale in rosso; dollaro USA in verde):

andamento oro bene rifugio

oro bene rifugio

Come visto anche graficamente ogni strumento ha il suo funzionamento e un suo obiettivo, ciò che va valutata con estrema attenzione è la costruzione dell’asset allocation strategica. Che dovrà essere in linea con la propria personalità e situazione finanziaria personale che, appunto, varia di persona in persona.

Ecco perché il consiglio è sempre quello di effettuare un’analisi e una pianificazione finanziaria personalizzata.

 

Vuoi parlare con me? Prenota una call e scopri come migliorare i tuo investimenti

0Commenti

    Lascia un commento

    I nostri consulenti

    Tutti iscritti all’albo e indipendenti per vocazione, i nostri consulenti saranno al tuo servizio per farti raggiungere i tuoi obiettivi finanziari. Sono specializzati su risparmio, investimenti e protezione e ti proporranno le soluzioni più adeguate al tuo caso specifico e al tuo orizzonte temporale.

    Parla con un consulente
    Alessandro_Perna
    Alessio_De_Valerio
    Davide_Fabbricotti
    Federico_Limina
    Marcello_Romano