Società di Consulenza Finanziaria Indipendente

HomeBlogCome costruire un portafoglio di investimento personalizzato
come costruire un portafoglio

Come costruire un portafoglio di investimento personalizzato

Ti sei mai chiesto come costruire un portafoglio?

Durante lo svolgimento della mia professione, realizzare portafogli di investimento personalizzati è all’ordine del giorno. 

Molti italiani però preferiscono ancora farlo da soli. Eppure il “fai-da-te”, in quest’ambito, può portare ad esporsi ad un rischio a cui non si è pronti, non avendolo ben ponderato durante la scelta degli strumenti da inserire nel portafoglio.

Sarà mia premura spiegare per sommi capi come avviene la creazione di un portafoglio efficiente e cercare di predisporre un piccolo vademecum per l’investitore poco consapevole o che si approccia per la prima volta a questo mondo.

La tua situazione di partenza

Prima di capire come si costruisce un portafoglio di investimento efficiente, bisogna prendere consapevolezza della situazione di partenza.

La domanda che ti devi porre è:

Da dove parto e dove voglio arrivare?

Attraverso un’attenta analisi del tuo contesto quotidiano, dovresti riuscire ad individuare innanzitutto quella parte di capitale da non destinare all’investimento e quindi da tener fuori dal tuo portafoglio finanziario.

Ovviamente ci sono molteplici fattori da tenere in considerazione, tra cui il lavoro, la tua capacità di risparmio, gli imprevisti finanziari e molti altri, che agli occhi di un non addetto ai lavori potrebbero, giustamente, sfuggire.

Dopodiché bisogna stabilire obiettivi di vita chiari e ben definiti. A questi dev’essere associato un orizzonte temporale ed il corretto profilo di rischio (che è la capacità di sopportare le perdite).

In questa fase, l’aiuto di un professionista è indispensabile.

Le sfere patrimoniali

Dopo aver messo da parte la giusta somma in liquidità, si prosegue con l’analisi delle varie sfere patrimoniali: assicurativa, finanziaria, previdenziale e successoria.

Sapere come costruire un portafoglio è strettamente collegato alla sfera finanziaria, certo. Tuttavia, rischi di fare degli errori madornali se pensi che le altre sfere patrimoniali non influiscano sulla creazione di un portafoglio personalizzato ed efficiente.

Pensare ai fabbisogni assicurativi deve avere una grande importanza: il trasferimento dei rischi è una questione seria e va effettuato nel migliore dei modi.

Un ottimo portafoglio personalizzato deve anche tener conto del tema previdenziale e di quello successorio. E non può esimersi da una valutazione e pianificazione seguita da un esperto che possa trovare le migliori soluzioni in modo indipendente ed oggettivo.

Richiedi l’analisi gratuita dei tuoi investimenti e scopri quanto puoi risparmiare ogni anno.

Regole d’oro su come costruire un portafoglio di investimento

Ci troviamo ora nel core della creazione di un portafoglio di investimento: si tratta dell’asset allocation e, successivamente, della scelta degli strumenti.

Se non sai come costruire un portafoglio, segui queste 3 regole d’oro:

  • diversificazione
  • prodotti efficienti
  • rispetto dei propri orizzonti temporali.

Queste tre regole servono per ridurre al minimo gli errori e i rischi a cui potresti esporti.

come costruire un portafoglio di investimento

Ma cosa vuol dire diversificare?

Diversificare significa suddividere il proprio capitale in diverse tipologie di strumenti finanziari. L’obiettivo è proprio quello di andare a ridurre i rischi.

A loro volta, anche gli strumenti devono essere diversificati: questo riduce il rischio specifico a cui ti esponi, a parità di rendimento medio atteso.

È proprio il rischio specifico ad essere quello più pericoloso perché, se troppo alto, può anche portare alla totale distruzione del tuo capitale.

Si tratta del rischio che caratterizza la detenzione di uno specifico e singolo strumento finanziario (azione, obbligazione, materia prima, eccetera).

Un esempio di concentrato di rischio, eliminabile attraverso la diversificazione, è la detenzione di un singolo BTP che, magari, occupa una fetta considerevole del portafoglio. In un unico strumento è accentrato rischio di controparte, rischio geografico, rischio politico e via dicendo.

La diversificazione dev’essere la stella polare di tutti gli investitori che ci guidi nel percorso relativo a come costruire il miglior portafoglio personalizzato.

Come costruire un portafoglio efficiente? Utilizzando strumenti efficienti!

Capita l’importanza della diversificazione, la fase successiva della costruzione di un portafoglio consiste nell’utilizzo di strumenti efficienti.

Inserire nel tuo portafoglio strumenti efficienti è imprescindibile per poter raggiungere al meglio i tuoi obiettivi, nel rispetto dei tuoi orizzonti temporali e senza perdere rendimento lungo il tuo percorso di investimento.

Gli strumenti efficienti si caratterizzano principalmente per 3 aspetti:

  • sono diversificati;
  • sono poco costosi;
  • replicano l’andamento di un determinato mercato (ETF).

Ovviamente è di vitale importanza che sia lo strumento ad adattarsi ai tuoi scopi e non il contrario. Insomma, non deve essere la moda o la foga di rendimento a far adattare te allo strumento.

Questa è una fase molto delicata per la creazione del portafoglio personalizzato. L’utilizzo di strumenti non adatti alle tue esigenze ed ai tuoi obiettivi, infatti, può creare enormi danni durante il percorso. Quindi, anche utilizzando i migliori strumenti efficienti, che però non si adattano alla tua personalità ed ai tuoi obiettivi, rischieresti di compromettere l’intero investimento.

Richiedi l’analisi gratuita dei tuoi investimenti e scopri quanto puoi risparmiare ogni anno.

L’importanza dell’orizzonte temporale

Infine, arriviamo alla nostra terza regola: rispettare gli orizzonti temporali.

Quando crei un portafoglio di investimento devi stabilire a priori i tuoi obiettivi abbinandoli al giusto orizzonte temporale.

Questi orizzonti servono, tra le altre cose, per capire e modulare al meglio il tuo profilo di rischio e quindi la volatilità a cui potresti potenzialmente esporti durante il trascorrere del tempo. Ed è poi sulla base dell’orizzonte temporale che vanno scelti gli strumenti efficienti che si adattino a te.

Andranno utilizzati strumenti decorrelati, per assicurarti un “contrappeso” in fasi di mercato volatile.

Queste regole sono importantissime soprattutto quando hai individuato orizzonti temporali di breve periodo, per i quali c’è la necessità di preservare il capitale destinato a quel determinato obiettivo.

Ricordati sempre che la protezione del capitale è elemento intrinseco e imprescindibile di un qualsiasi portafoglio di investimento. L’aiuto di un professionista è per questo caldamente consigliato.

Arrivati a questo punto, dovresti aver appreso le basi per come costruire il tuo portafoglio, il quale dovrà essere diversificato e composto da strumenti efficienti che siano adatti ai tuoi obiettivi di vita ed al tuo profilo di rischio.

Vuoi parlare con me? Prenota una call e scopri come migliorare i tuo investimenti

0Commenti

    Lascia un commento

    I nostri consulenti

    Tutti iscritti all’albo e indipendenti per vocazione, i nostri consulenti saranno al tuo servizio per farti raggiungere i tuoi obiettivi finanziari. Sono specializzati su risparmio, investimenti e protezione e ti proporranno le soluzioni più adeguate al tuo caso specifico e al tuo orizzonte temporale.

    Parla con un consulente
    ValerioFrancini
    Gabriele_Liardo
    RiccardoPaitoniFaustinoni
    Daniele_Russi
    Giorgio_Spanu