HomeBlogCome iniziare a investire correttamente
come investire

Come iniziare a investire correttamente

Tutti noi almeno una volta nella vita abbiamo pensato di investire i nostri risparmi e sicuramente ci siamo chiesti come fare a farlo nel migliore dei modi. Prima di effettuare questo passo in maniera affrettata, infatti, è necessario informarsi sul come iniziare a investire correttamente, per non rischiare di perdere tutto il capitale investito.

Di seguito ti indichiamo i principali elementi da prendere in considerazione prima di affacciarti nel mondo degli investimenti. Per prima cosa, però, devi ricordare che investire non significa fare una scommessa: devi imparare a conoscere i mercati, verificare gli andamenti degli asset in cui hai investito e considerare che i guadagni all’inizio possono essere minimi: solo investimenti regolari, continui e corretti nel tempo, infatti, ti permetteranno di incrementare i profitti.

In cosa investire? Impara a distinguere gli asset e i mercati

Se vuoi iniziare a investire in maniera intelligente per prima cosa devi imparare a conoscere i diversi mercati e, quindi, gli asset, ossia i beni materiali e immateriali disponibili per le varie operazioni di trading. Pertanto, il primo aspetto da considerare è quello di scegliere se operare tramite broker fisico oppure online, se speculare tramite le classiche azioni oppure con gli ETF, con obbligazioni oppure nei mercati delle materie prime.

Oggi le possibilità per investire sono davvero tante ma chiaramente non si può e non si deve pensare di approcciarsi a tutti i mercati: alcuni, infatti, sono particolarmente adatti a chi è alle prime armi mentre altri sono più idonei a speculatori esperti.

Si può scegliere di investire in azioni o obbligazioni, in materie prime, in titoli, in fondi comuni di investimento oppure nei più recenti asset come gli ETF.

Cosa sono gli ETF? Perché rappresentano una scelta corretta per gli investitori alle prime armi?

Se ti stai avvicinando al mondo degli investimenti per la prima volta devi sapere che alcuni tipi di speculazioni possono quindi essere più indicati per te, come ad esempio gli ETF (Exchange Traded Fund): gli esperti del trading e degli investimenti sono infatti tutti concordi nell’evidenziare che questo tipo di asset è particolarmente adatto ai piccoli investitori, soprattutto perché presenta un costo di gestione inferiore rispetto agli altri.

I fondi di investimento possono essere a gestione attiva o passiva: gli ETF rientrano nella categoria a gestione passiva. Questo significa che essi replicano il valore di mercato di un altro indice o asset del mercato di riferimento, risultando un modo pratico, rapido e a basso costo per iniziare a investire in maniera corretta e sicura. Inoltre, gli ETF permettono di diversificare il proprio portafoglio, strategia fondamentale per investimenti corretti.

Un altro punto di forza degli ETF è dato dalla possibilità di investire in tutti i mercati anche se con capitali minimi. Tale tipo di operazione non è possibile con gli altri asset: molti mercati, infatti, richiedono un capitale di investimento di partenza elevato per poter operare, mentre per altri, come ad esempio quello indiano o quello cinese, è davvero impossibile accedere e operare se non si hanno società presenti in quelle determinate aree geografiche. Gli ETF, quindi, aprono la possibilità ai piccoli investitori di entrare in ogni tipo di mercato, naturalmente sempre dopo aver attentamente valutato l’effettiva convenienza e interesse in un determinato tipo di speculazioni.

investire come fare

ETF, indici, azioni, obbligazioni e altri strumenti di investimento

In quanto fondi a gestione passiva, gli ETF possono legare il proprio valore e andamento ai più differenti asset come indici di borsa o altra tipologia, materie prime, azioni oppure obbligazioni.

Azioni e obbligazioni rappresentano due degli asset più importanti nel mondo degli investimenti, sia perché storici, sia perché muovono gran parte dei mercati. Le azioni sono le proprietà di un’azienda e quando si investe non si fa altro che sfruttare il prezzo di acquisto e vendita delle stesse. Le obbligazioni, invece, rappresentano i titoli di debito: pertanto, investire in obbligazioni significa diventare creditore di una certa somma. Si tratta di uno strumento di investimento particolarmente sicuro e per questo adatto anche a quanti si approcciano per la prima volta al mondo degli investimenti.

Negli ultimi anni, poi, si sente sempre più spesso parlare di investimenti nelle criptovalute. Il mercato delle criptovalute è sicuramente molto redditizio ma particolarmente rischioso: per questo motivo, anche se si può essere incuriositi da questo mondo, è fondamentale evitare di investirvi quando si è alle prime esperienze. Per poter operare in maniera meno rischiosa nel mercato delle criptovalute, infatti, è necessario avere un portafoglio molto diversificato, all’interno del quale si potrà valutare la possibilità di assumere qualche rischio con determinati asset sapendo che, di contro, ci saranno altri investimenti più sicuri in grado di bilanciare eventuali perdite.

Muovere i primi passi nei mercati

Dopo aver selezionato gli asset più idonei alle proprie necessità è necessario scegliere una strategia di investimento. Sicuramente questo aspetto richiede un po’ più di tempo: infatti, se imparare a capire cosa sono i vari indici e gli asset di mercato è relativamente facile, definire una strategia di investimento, una diversificazione del portafoglio e soprattutto la somma iniziale da mettere in gioco più risultare più complesso.

Come strutturare il portafoglio di investimento?

Quando ti avvicini al mondo degli investimenti, l’aspetto relativo alla diversificazione del portafoglio di investimenti può rappresentare il primo problema tecnico. Per superare questo scoglio senza commettere troppi errori puoi scegliere di studiare approfonditamente tutte le opzioni, in modo da renderti bene conto di tutte le possibilità e opzioni, oppure puoi rivolgerti a un professionista esperto nel settore, che potrà darti le giuste indicazioni e aiutarti a risparmiare tempo e, soprattutto, a definire i migliori mercati in cui speculare.

Noi di IoInvesto SCF offriamo un servizio di analisi di portafoglio gratuita per accompagnare gli investitori alle prime esperienze verso le giuste scelte di mercato. Rivolgersi a tecnici esperti significa risparmiare su un doppio versante. Da un lato, infatti, non si dovrà perdere tempo a studiare tutte le possibili opzioni che il mercato offre in base al tipo di investimento che si vuole fare; dall’altro si avrà la sicurezza di una consulenza professionale e gratuita che permetterà di selezionare in maniera adeguata i mercati e gli asset in cui investire per realizzare una strategia sicura, seguendo le indicazioni di chi opera regolarmente nei mercati e ne conosce rischi e opportunità.

Se vuoi perfezionare la tua presenza nel mondo degli investimenti, ti consigliamo di scaricare 16 strumenti esclusivi di IoInvesto ora!

Investimento a breve, medio o lungo termine?

Un importante parametro da prendere in considerazione quando si pensa a come iniziare a investire è relativo al tempo: devi quindi pensare se i tuoi investimenti saranno a breve, medio o lungo termine. La relazione tra tipo di investimento e durata è strettamente connessa alle tue esigenze specifiche e, soprattutto, al budget a disposizione.

Gli investimenti a breve termine sono tutti quelli che prevedono un accesso al profitto entro cinque anni. I più semplici da gestire sono sicuramente i conti deposito, gli ETF e il trading giornaliero. Va sottolineato che a fronte della maggiore velocità di accesso, questo tipo di investimento è mediamente meno redditizio rispetto a quelli con intervallo temporale più lungo. Tuttavia rappresenta la scelta più adatta per quanti hanno esigenze di profitto nell’immediato.

Gli investimenti più interessanti sono sicuramente quelli a medio e lungo termine, che permettono di avere rendimenti molto elevati. Quando si parla di medio termine ci si riferisce solitamente a un arco temporale di circa dieci anni mentre il lungo termine arriva anche a venti anni o più. Per poter trarre profitto da un investimento a lungo termine è necessario iniziare da giovanissimi; in molti casi il tuo investimento può derivare da una scelta della famiglia che ha pensato di investire per te quando eri piccolo e da adulto potrai trovare quindi il beneficio di un investimento con un paio di decine di anni di maturità.

Tuttavia, rispetto al passato, oggi ci sono sicuramente molte più opzioni e opportunità di investimento ed esistono differenti strategie che permettono di realizzare soluzioni personalizzate di investimento che tengono conto dei tempi e del budget che hai a disposizione.

Sbagliando si impara?

Un importante aspetto della speculazione nei mercati è che se è vero che in molte situazioni è relativamente semplice comprendere quale possa essere il tipo di investimento più adatto, in altrettanti casi i primi investimenti possono non andare a buon fine. L’inesperienza, un’inversione improvvisa dei trend, la mancanza di un confronto con un consulente che possa dare indicazioni più adatte alle situazioni specifiche possono portare al fallimento del primo investimento.

Tuttavia, perdere un investimento non fa mai bene a nessuno: ecco perché ci sono due importanti aspetti da non dimenticare quando si opera nei mercati. Il primo è relativo alle somme che vengono investite e che devono essere sempre sostenibili e differenziate: investire poco e in più settori è la regola principale per iniziare a investire in maniera corretta. Il secondo aspetto è invece relativo alla presenza di un consulente. Anche se oggi in rete si trovano tantissimi siti di consigli, anche ben strutturati, su come iniziare a investire correttamente, la scelta migliore resta quella di affidarsi a un consulente esperto che, almeno per le prime volte, ti aiuti a comprendere meglio come funziona realmente un investimento.

lezioni per investire

Quanto investire?

Questa è sicuramente la domanda che tutti si pongono nel momento in cui decidono di intraprendere la strada degli investimenti, siano essi online o meno. Si tratta di una domanda semplice ma la risposta non è altrettanto semplice. Infatti dipende da una serie di fattori, in primis il capitale di partenza, il genere di mercato in cui si vuole operare, la differenziazione del portafoglio.

Molte tipologie di obbligazioni societarie richiedono investimenti minimi molto elevati, dell’ordine delle decine o centinaia di migliaia di euro, mentre per alcuni titoli possono essere sufficienti poche migliaia di euro. Queste cifre rappresentano capitali importanti, sicuramente non alla portata di tutti. Ecco perché sempre più persone si interessano agli ETF: questi asset, infatti, permettono di effettuare investimenti anche con poche decine di euro e, soprattutto, garantiscono la possibilità di operare in un gran numero di mercati.

Anche i fondi comuni rappresentano una soluzione perfetta per chi si affaccia agli investimenti per la prima volta e non vuole o non può mettere in gioco un capitale elevato. Ad esempio, investendo anche solo una ventina di euro in un fondo comune si potrà avere la certezza di una differenziazione elevata che garantisce un’elevata probabilità di profitto e, soprattutto, una scarsa possibilità di perdere tutto il capitale investito.

Ecco che allora la domanda corretta da porsi probabilmente non è quanto investire ma soprattutto qual è il capitale a disposizione e per quale tipologia di settori è più idoneo. Quello che devi sempre ricordare è che il capitale di investimento va verificato con cura: anche se la voglia di lanciarsi in questa avventura è elevata, devi comunque valutare la presenza del rischio. Per questo motivo può essere utile partire con una piccola percentuale del tuo guadagno e non investire tutto. Una corretta valutazione del denaro da investire può essere fatta con un consulente esperto, oppure scegliendo degli strumenti digitali validi come i calcolatori finanziari, che permettono di gestire al meglio le tue finanze.

Qualche consiglio pratico

Una volta compresi i principali aspetti necessari per iniziare a investire in maniera sicura, è altrettanto importante ricordare che la prima forma di investimento necessaria per poter trarre profitto dai propri risparmi è quella relativa alla formazione. Non ci si può improvvisare speculatori in borsa e proprio per questo motivo, prima di iniziare a investire è necessario studiare attentamente il funzionamento dei mercati, il significato di titoli e azioni, le possibilità derivanti da investimenti in ETF, il significato di un trading nel breve, medio o lungo periodo.

Se hai esigenze particolari, per cui vuoi investire il tuo capitale quanto prima, allora la scelta migliore è quella di rivolgersi a esperti del settore, come i nostri esperti. Noi di IoInvesto SCF, infatti, offriamo un gran numero di strumenti per procedere in maniera sicura e garantiamo un supporto professionale serio e a costi altamente competitivi. Tra i nostri prodotti di punta ci sono sicuramente le guide gratuite, gli strumenti digitali e, naturalmente, personale qualificato e sempre a tua disposizione. Potrai confrontarti con i nostri consulenti su tutto quanto riguarda investimenti in:

  • EFT;
  • azioni;
  • indici;
  • obbligazioni;
  • materie prime;
  • energia rinnovabile;
  • trading online.

Inoltre i nostri esperti potranno darti consigli pratici sulle diverse aree di investimento, ossia quelle a basso, medio e alto rischio, aiutandoti a trovare quella più adatta alle tue necessità e al tuo capitale di partenza.

L’importanza della differenziazione

Uno degli aspetti più importanti da comprendere quando si è alle prime esperienze di investimento riguarda la differenziazione del capitale investito, ossia la variazione del portafoglio.

Sicuramente avrai sentito di speculatori finiti sul lastrico perché avevano investito tutti i propri beni in un’unica attività che è fallita. Questo tipo di investimento oggi viene accuratamente evitato perché si è compreso come è meglio suddividere l’investimento tra più progetti piuttosto che puntare tutto su uno. Così facendo, infatti, si avrà maggiore possibilità di successo e si ridurrà il rischio di fallimento. Infatti, la probabilità che tutti gli asset su cui abbiamo investito portino a una perdita è molto bassa, mentre è molto più probabile che un settore di investimento vada bene e un altro male. In tal caso, però, si avrà sempre un bilanciamento che, anche se porta a un profitto minore, garantisce contro le situazioni di collasso finanziario.

La diversificazione può essere anche effettuata in termini temporali, optando per diversi tipi di investimenti, alcuni a breve termine ed altri a medio o lungo termine. Questo tipo di scelta, come anche i mercati relativi in cui investire, dovrebbe essere valutata con cura, eventualmente anche confrontandosi con il proprio consulente di fiducia.

come investire bene

Conclusioni: uno schema per ricordare gli step per investire al meglio

Da quanto detto fino ad ora, avrai sicuramente compreso come iniziare a investire e, soprattutto, quali sono gli aspetti più importanti da prendere in considerazione per portare avanti un investimento sicuro e profittevole. Di seguito schematizziamo gli step da seguire per le tue prime speculazioni, siano esse online o meno.

Definisci gli obiettivi. Si tratta di un aspetto fondamentale della fase pre-investimento, ma che non sempre viene preso nella giusta considerazione. Infatti, spesso ci si lancia nell’avventura dei mercati senza avere ben chiaro cosa si voglia ottenere da un determinato investimento e questo porta a muoversi a caso, senza una strategia precisa. Ricorda quando giochi in borsa o investi nei mercati non stai facendo una scommessa: si tratta invece di un’operazione che va studiata, valutata e gestita con competenze specifiche per raggiungere un determinato obiettivo. Questo può essere di raddoppiare il capitale investito, oppure semplicemente di ottenere una piccola rendita mensile: a seconda dei casi potrai selezionare uno degli step successivi: la pianificazione temporale, la diversificazione del portafoglio, la scelta dei mercati e il capitale da investire.

La definizione del tempo. Come già anticipato, i profitti derivanti da un investimento non sono immediati ma possono richiedere del tempo, soprattutto se si sceglie un investimento a medio o lungo termine. Anche quando si opta per una speculazione a breve termine, tuttavia, devi ricordare che si parla comunque di tempi dell’ordine di qualche anno. Nella scelta del tipo di investimento può essere utile optare per investimenti dilazionati, in modo da avere maggiore possibilità di ammortizzare le spese in caso di perdita di capitale. Ricorda che un investitore esperto sceglie di correggere la propria strategia se verifica che l’andamento del mercato è cambiato contro ogni previsione: correggere in corso d’opera permetterà di fronteggiare eventuali perdite.

La diversificazione del portafoglio. Non ci stancheremo mai di sottolinearlo: le strategie migliori di investimento sono quelle di diversificare i propri investimenti, indipendentemente dal budget o dal tipo di mercato in cui si vuole operare. Solo in questo modo, infatti, potrai ridurre il livello di rischio legato a ogni tipo di investimento. Ricorda inoltre di puntare su tipologie di asset che permettono una buona diversificazione anche con investimenti iniziali minimi, come gli ETF oppure i fondi comuni, perfetti per i piccoli investitori e particolarmente sicuri per i neofiti dei mercati.

La scelta dei mercati e il capitale da investire. L’ultimo aspetto su cui è fondamentale focalizzarsi per non fare errori di investimento riguarda la scelta dei mercati e il capitale da investire. Devi sempre ricordare che i mercati non sono tutti uguali, alcuni sono più stabili mentre altri subiscono continue variazioni. Sicuramente un mercato stabile offre maggiori garanzie, anche se profitti minori rispetto ai mercati instabili: tuttavia se sei alle prime esperienze devi ricordare che ridurre il rischio talvolta è più importante rispetto a incrementare il profitto. Confrontati con il tuo consulente di fiducia per comprendere quali asset e quale mercato sono più adatti alle tue necessità. Potrai così anche valutare il capitale da investire per ottenere il massimo profitto con il minimo rischio.

Ora che sai come iniziare a investire in maniera corretta, fai la scelta giusta e affidati a un consulente esperto per muovere i primi passi nel mondo dei mercati finanziari in piena sicurezza!

Proteggi il tuo capitale e minimizza i rischi! Scarica gratis la nostra lista di obbligazioni per il 2024 per diversificare i tuoi investimenti.

Come investire 1000 euro?

Tutti noi almeno una volta nella vita abbiamo pensato di investire i nostri risparmi e sicuramente ci siamo chiesti come fare a farlo nel migliore dei modi. Prima di effettuare questo passo in maniera affrettata, infatti, è necessario informarsi sul come iniziare a investire correttamente, per non rischiare di perdere tutto il capitale investito. Di […]

15 libri da leggere di economia e finanza per iniziare a investire

Tutti noi almeno una volta nella vita abbiamo pensato di investire i nostri risparmi e sicuramente ci siamo chiesti come fare a farlo nel migliore dei modi. Prima di effettuare questo passo in maniera affrettata, infatti, è necessario informarsi sul come iniziare a investire correttamente, per non rischiare di perdere tutto il capitale investito. Di […]

Come iniziare a investire correttamente

Tutti noi almeno una volta nella vita abbiamo pensato di investire i nostri risparmi e sicuramente ci siamo chiesti come fare a farlo nel migliore dei modi. Prima di effettuare questo passo in maniera affrettata, infatti, è necessario informarsi sul come iniziare a investire correttamente, per non rischiare di perdere tutto il capitale investito. Di […]