Società di Consulenza Finanziaria Indipendente

HomeBlogETC vs ETF
etc etf

ETC vs ETF

Purtroppo non tutti sanno cosa sono gli ETF e gli ETF, e taluni nemmeno cosa sono, in generale, gli strumenti finanziari.

Quindi, prima di fare un confronto al fine di capire quale sia la differenza tra ETC ed ETF, ed eventualmente scoprire quale dei due strumenti è più indicato per te, è bene fare una piccola introduzione su questo tipo di prodotti.

Exchange Traded Product: cosa sono gli ETC e gli ETF?

Gli Exchange Traded Commodities (ETC) e gli Exchange Traded Funds (ETF) fanno parte di una più ampia famiglia di strumenti finanziari, chiamata Exchange Traded Products (ETP).

Questi prodotti sono dei fondi comuni di investimento a tutti gli effetti, ma con una differenza importantissima.

Diversamente dai fondi comunemente venduti in banca, chiamati fondi attivi, gli ETP hanno come unico scopo quello di replicare l’andamento di una serie di assets, ad esempio materie prime o indici di mercato.

L’obiettivo è quindi quello di performare come il sottostante o mercato di riferimento (benchmark).

ETC ETF

Insomma, a differenza dei fondi attivi che tentano di sovra-performare il proprio benchmark di riferimento, gli ETP, cioè i fondi passivi, copiano passivamente l’andamento di un determinato mercato.

La famiglia degli ETP si suddivide in tre sotto categorie, ciascuna con le proprie peculiarità.

Gli ETF (Exchange Traded Funds) sono fondi passivi che replicano la performance di specifici mercati azionari oppure obbligazionari.

Gli ETC (Exchange Traded Commodities), invece, sono strumenti che replicano l’andamento di determinate materie prime (come ad esempio l’oro).

Infine, gli ETN (Exchange Traded Notes) sono dei titoli senza scadenza che seguono il valore di sottostanti difficili da comprare o da gestire (quali, ad esempio, Bitcoin).

Andiamo ora ad approfondire ancor di più la differenza tra ETF e ETC, perché non finisce qui…

Richiedi l’analisi gratuita dei tuoi investimenti e scopri quanto puoi risparmiare ogni anno.

Meglio ETC o ETF?

Arriviamo dunque alla domanda fatidica:

Sono meglio gli ETC o gli ETF?

Innanzitutto, focalizziamoci sulle caratteristiche fondamentali che contraddistinguono questi due prodotti.

Gli Exchange Traded Funds investono in panieri di azioni e/o obbligazioni o indici di mercato. Per quanto riguarda l’aspetto fiscale, i proventi derivanti dall’investimento in ETF sono classificati come redditi da capitale.

Gli Exchange Traded Commodities, invece, investono in materie prime o panieri di materie prime. A differenza degli ETF, le plusvalenze generate da questi prodotti costituiscono fiscalmente redditi diversi.

Infine, alcuni ETC subiscono il cosiddetto effetto contango”.

Questa peculiarità degli Exchange Traded Products che replicano l’andamento delle materie prime viene spesso trascurata dagli investitori. Eppure può avere un impatto devastante sul lungo termine. È un argomento complesso ed interessante, che sarà oggetto di un articolo ad hoc.

Per ora è sufficiente sapere che non tutti gli ETC subiscono l’effetto contango, il quale dipende dalla materia prima sottostante. In particolare, se è detenuta fisicamente (come tendenzialmente accade per l’oro) l’effetto sarà minore se non del tutto assente.

Al contrario, gli ETC che maggiormente soffrono dell’effetto contango sono quelli che replicano l’andamento del petrolio. Proprio per questo motivo, non sono strumenti adatti per un investimento di medio o lungo termine. 

E quindi? In cosa è meglio investire?

Come avrai sicuramente capito, stiamo parlando di due prodotti che, da un lato, investono in sottostanti diversi (l’uno in materie prime e l’altro in titoli azionari ed obbligazionari). Hanno, inoltre, caratteristiche diverse, e questo ci porta a dire che non ce n’è uno migliore dell’altro.

Semplicemente, ETC ed ETF rispondono ad esigenze di investimento differenti.

Di certo possiamo dire che, in un’ottica di diversificazione, efficientamento e ottimizzazione di un portafoglio, specialmente se di una certa capienza, è sempre consigliabile investire in entrambi i prodotti.

Sia gli Exchange Traded Commodities che gli Exchange Traded Funds, infatti, possono sostenere il portafoglio nelle varie fasi di mercato.

Inoltre, in ottica di costruzione di un portafoglio ottimale, è sempre bene avere un ETC tra i nostri asset. Questo perché ci permette di creare una decorrelazione tra le macro asset class che compongono lo stesso.

Richiedi l’analisi gratuita dei tuoi investimenti e scopri quanto puoi risparmiare ogni anno.

Hai degli ETF o ETC nel tuo portafoglio?

Ora che ti è un po’ più chiara la differenza tra questi due strumenti finanziari, pensi di inserire degli ETF o degli ETC, oppure entrambi, nel tuo portafoglio di investimento?

Sai in che percentuali sarebbe meglio farlo e quale scegliere in base alle tue personali esigenze?

Se hai dei dubbi in merito, rivolgiti pure a noi.

Il tuo Consulente Finanziario Autonomo ti aiuterà a fare chiarezza!

Vuoi parlare con me? Prenota una call e scopri come migliorare i tuo investimenti

0Commenti

    Lascia un commento

    I nostri consulenti

    Tutti iscritti all’albo e indipendenti per vocazione, i nostri consulenti saranno al tuo servizio per farti raggiungere i tuoi obiettivi finanziari. Sono specializzati su risparmio, investimenti e protezione e ti proporranno le soluzioni più adeguate al tuo caso specifico e al tuo orizzonte temporale.

    Parla con un consulente
    Dario_Damiano
    Filippo_Rinaldo
    RuggieroRizzi
    Alessandro_Perna
    Federico_Michielotto