Società di Consulenza Finanziaria Indipendente

Contattaci 02 5407 9537 Lun-Ven 9-19

HomeBlogGuida definitiva al TFR
Guida al tfr

Guida definitiva al TFR

Vuoi sapere dove destinare il TFR, ma non sai né come fare né cosa scegliere?

Vuoi conoscere i vantaggi che puoi ottenere attraverso una corretta destinazione del TFR? 

Ecco la guida definitiva con tutto ciò che ti serve per ottimizzare il TFR ed ottenere una pensione complementare soddisfacente.

Che cos’è il TFR?

Prima di capire dove mettere il TFR dobbiamo capire cos’è il TFR, come sfruttare tutti i vantaggi e quali sono i pro derivanti da una corretta destinazione.

Il TFR (Trattamento di Fine Rapporto) è semplicemente una parte dello stipendio di un dipendente che viene accantonata dal datore di lavoro.

Esso corrisponde al 7,41% della retribuzione lorda a cui va sottratto lo 0,50% prelevato dall’INPS che sarà destinato al fondo di garanzia. Questo fondo serve a garantire il TFR dei lavoratori che prendono la malsana decisione di lasciare quest’ultimo in azienda.

Infatti le aziende possono fallire e quindi tutto il TFR accumulato al loro interno sarà perduto.

Quindi, il TFR netto ammonta al 6,91% della retribuzione lorda. Il montante accumulato finale sarà davvero molto interessante, parliamo di migliaia di euro che vanno tutelati nel migliore dei modi.

Questa cifra viene liquidata sia in caso di licenziamento sia in caso di pensionamento del lavoratore.

Fatta questa doverosa premessa, andremo a snocciolare e chiarire tutti i dubbi e le domande che potranno sorgere sulla destinazione del TFR, su come proteggerlo e su come ottenere dei vantaggi semplicemente facendo la scelta giusta.

La scelta sulla destinazione del TFR

Al momento dell’assunzione il lavoratore ha di fronte a sé 2 scelte:

  1. Lasciare il TFR in azienda
  2. Destinare il TFR ad un fondo pensione

Attenzione, in caso di “non scelta”, comunque, il TFR sarà destinato da qualche parte secondo la regola del silenzio assenso.

Infatti, indipendentemente dall’organico dell’azienda, il Trattamento di Fine Rapporto, a partire dal settimo mese dall’assunzione, verrà versato nel fondo pensione di categoria (quello previsto dal CCNL o da altri accordi aziendali) oppure, in caso di sua assenza, nel fondo cui hanno aderito la maggior parte dei lavoratori di quell’azienda.

Come spesso accade, se non sei tu a scegliere, sarà qualcun altro, al posto tuo, a farlo.

In questo caso, la “non scelta” ha di fatto conseguenze positive.

Con un però: se fossi tu a scegliere, non solo potresti decidere a quale fondo pensione aderire, ma anche e soprattutto godere di altri benefici che analizzeremo più avanti. E che possono davvero fare la differenza.

In ogni caso, se hai compiuto (o non compiuto) la tua scelta senza conoscere bene le conseguenze della stessa, non preoccuparti: quest’articolo ti sarà di aiuto.

Il TFR in azienda

Nel 2007 la legge finanziaria ha stabilito la libera scelta da parte del dipendente sulla destinazione del TFR. Tra Leo scelte esplicite vi è quella, come già accennato, di lasciare il proprio TFR in azienda.

In base alle dimensioni dell’azienda per cui si lavora si aprono 2 scenari di possibilità:

  1. Azienda con meno di 50 dipendenti
  2. Azienda con più di 50 dipendenti

Nel caso di aziende con meno di 50 dipendenti, il TFR viene accantonato nelle casse dell’azienda stessa. Questo sembra un vantaggio: “metto il TFR in una realtà che conosco”. Ma la verità dei fatti è diversa. 

Lasciandolo in azienda si corrono molteplici rischi e si perde la possibilità di sfruttare numerosi vantaggi sia per l’azienda sia per il lavoratore!

Nel caso di aziende con più di 50 dipendenti, invece, il TFR viene spostato per legge nel fondo di tesoreria dell’INPS; ciò per evitare enormi problemi a un elevato numero di lavoratori in caso di fallimento aziendale.

Negli ultimi anni, il problema del GAP previdenziale (cioè la differenza tra l’ultimo stipendio e la prima rata di pensione) si è acutizzato ed il TFR diviene un’arma di vitale importanza per ovviare a questo problema.

Infatti l’obiettivo del TFR deve essere quello di crescere nel tempo e di creare un capitale molto più grande da trasformare in una “seconda pensione”.

Decidere di prendersi cura del TFR diventa una scelta di responsabilità anche nei confronti dei propri figli, poiché saranno più sereni sapendo che un domani i propri genitori avranno una pensione che possa permettergli uno stile di vita dignitoso, visto che l’affidabilità della pensione pubblica si va affievolendo sempre più con il passare del tempo.

Richiedi una consulenza previdenziale e scopri come aumentare la tua pensione futura in modo certo.

Consigli sul TFR: dove metterlo?

Il primo e più importante consiglio sul TFR è quello di destinarlo ad un fondo pensione il prima possibile.

Lasciarlo in azienda non ha alcun senso. Anzi si corre il rischio di perderlo completamente (in caso di fallimento aziendale).

Spostando il TFR in un fondo pensione avremmo poi sin da subito un bel beneficio fiscale.

Infatti, lo Stato, ben conscio del problema sociale legato alla tematica delle pensioni, concede delle agevolazioni sia alle aziende sia ai lavoratori che decidono di versare il TFR in un fondo pensione.

Il TFR nel fondo pensione non verrà tassato con l’aliquota media IRPEF, ma con un’aliquota agevolata del 15% che può scendere fino ad un minimo del 9%!

Inoltre, potremmo beneficiare di una crescita maggiore del TFR grazie a rendimenti maggiori caratteristici dei fondi pensione rispetto alla classica rivalutazione aziendale.

Ovviamente in questo caso vanno valutati anche i costi dei fondi pensione e non tutti i fondi pensione potrebbero essere adatti alle nostre esigenze.

Parliamo di rendimenti: TFR in Azienda vs TFR in fondo pensione

I  miei consigli sul TFR si basano sullo studio dei numeri e ora voglio mostrarti qualche dato davvero interessante.

Partiamo dalla vetusta scelta di destinare il TFR in azienda.

Il TFR sarà rivalutato con un tasso del 1,5% + 75% del tasso di inflazione.

Quindi, considerando un’inflazione media del 2% (che sarebbe l’obiettivo della BCE) otteniamo un tasso di rivalutazione medio del 1,5% + 75% del 2% per un totale del 3%.

È chiaro, questa è una media ed in Italia il tasso di inflazione negli ultimi 10 anni è stato quasi sempre sotto al 2% da cui si evince una rivalutazione minore del 3%.

Spostare il TFR nel giusto fondo pensione può portarci dei rendimenti anche superiori al 5% medio annuo al netto di tutti i vantaggi fiscali e di tutte le garanzie tipiche dei fondi pensione.

Basti pensare che una crescita del genere può farci ottenere un capitale anche di 2-3 volte più grande rispetto al semplice TFR lasciato in azienda!

Quindi non servono calcoli complessi per capire che il TFR messo in un fondo pensione batte 10 a 0 il TFR lasciato in azienda.

Inoltre, spostando il TFR si va ad eliminare il rischio legato alla sostenibilità aziendale e al fallimento di quest’ultima.

Questo rischio è così importante che il legislatore ha obbligato il versamento del TFR all’interno del fondo di tesoreria dell’INPS alle aziende con più do 50 dipendenti.

Il problema resta per aziende con meno di 50 dipendenti. Ti sei mai chiesto cosa succederebbe se l’azienda iniziasse a navigare in cattive acque?

Potresti ritrovarti senza lavoro e senza il tuo TFR!

I vantaggi fiscali

Nella valutazione sulla destinazione del TFR è bene considerare anche i vantaggi fiscali.

Lasciando il TFR in azienda si è soggetti ad un’aliquota IRPEF media che viaggia tra il 23% ed il 35% che andrà ad erodere il nostro TFR finale.

Spostare il TFR in un fondo pensione, invece, ci permette di accedere ad una tassazione del 15% che andrà a ridursi progressivamente a partire dal 15esimo anno di adesione.

Infatti tale aliquota diminuirà dello 0,3% annuo fino a raggiungere un minimo del 9%.

Facciamo un’esempio pratico con dei numeri reali.

Consideriamo uno stipendio medio di 1.800€ mensili che ci permette di accantonare un TFR di 1.661€ all’anno. Consideriamo poi una vita lavorativa media di 40 anni in cui andremo ad accumulare un TFR lordo di 66.440€, una somma di tutto rispetto.

Pagare un’aliquota del 9% al posto di un IRPEF del 30% ci permette di risparmiare ben 13.952 € semplicemente con una firma.

Richiedi una consulenza previdenziale e scopri come aumentare la tua pensione futura in modo certo.

L’importanza di pianificare

I vantaggi di una corretta pianificazione proseguono.

Oltre alla tassazione agevolata sul montante finale, abbiamo anche una tassazione agevolata sui rendimenti: questa è pari al 20% rispetto al classico 26%.

Un’altro vantaggio è indubbiamente la sicurezza dei fondi pensione.

Infatti, i fondi pensione sono strumenti molto ben diversificati al loro interno e presentano diversi comparti con diverse tipologie di profili di rischio (garantito, bilanciato, azionario).

Una corretta pianificazione si basa sulla comprensione della situazione di partenza, “con quanto e quando andrò in pensione”, per poter migliorare sin da subito la propria vita futura.

In taluni casi è necessario apportare dei contributi volontari all’interno dei fondi, anch’essi soggetti ad agevolazioni. È possibile, infatti, dedurre le cifre versate per un totale di 5.164,67€ annui , anche se si versano per il proprio coniuge a carico e per i propri figli.

Un ulteriore vantaggio è il versamento extra da parte del datore di lavoro, ma ne parleremo più avanti in questa guida.

I vantaggi per le aziende

Chi lo ha detto che i vantaggi sono ad esclusivo appannaggio dei dipendenti?

I vantaggi del trasferire il TFR in un fondo pensione riguardano anche le aziende.

Infatti, un’azienda che si preoccupa del benessere futuro dei propri lavoratori ci guadagna sia da un punto di vista di qualità del brand sia a livello di produttività da parte dei dipendenti che si sentono tutelati e sia anche da un punto di vista di appetibilità.

Essere disposti a trasferire di buon grado il TFR può essere motivo di attrazione per nuovi talenti che cercano un posto di lavoro con elevati standard di welfare aziendale.

Inoltre, anche l’azienda ha diritto a numerosi sgravi fiscali:

  • Non dovrà rivalutare il TFR (con un risparmio del 3% annuo sull’accantonato)
  • Riduzione del reddito d’impresa per un’importo che varia dal 4% al 6% dell’ammontare del TFR destinato alla previdenza complementare
  • Eliminazione del contributo dello 0,20% sul montante retributivo lordo destinato al fondo di garanzia INPS
  • Riduzione di oneri impropri correlati al TFR in misura pari allo 0,28%

Infine, una corretta pianificazione dei flussi di cassa futuri in uscita, considerando anche l’entità importante delle liquidazioni dei TFR, porta stabilità nei conti dell’azienda evitando importanti esborsi in caso uno o più dipendenti dovessero lasciare il lavoro.

Insomma, versare il TFR all’interno di un fondo pensione porta vantaggi sia al dipendente sia all’azienda.

Tuttavia una domanda sorge spontanea: i fondi pensione sono tutti uguali?

Assolutamente no, vediamo insieme le varie tipologie

Tipologie di fondi pensione

Esistono 3 tipologie di fondi pensione:

  1. Fondi pensione chiusi o negoziali
  2. Fondi pensione aperti
  3. Piani individuali pensionistici (PIP)

Fondi pensione negoziali

Sono fondi destinati a categorie specifiche di lavoratori, a cui si può accedere rispettando determinati requisiti.

Ad esempio i metalmeccanici hanno accesso al fondo COMETA.

Sono caratterizzati da costi bassissimi e rendimenti discreti.

Fondi pensione aperti

Sono fondi creati da banche, assicurazioni, intermediari e società di gestione risparmio. 

Questi fondi sono accessibili a tutti ed hanno rendimenti nella norma e costi che dipendono da fondo a fondoTuttavia essendo creati da soggetti privati potremmo imbatterci in fondi con rendimenti negativi e costi improponibili.

Un’attenta valutazione può fare la differenza tra una pensione da fame ed una pensione più che dignitosa.

Piani Individuali Pensionistici

Sono prodotti assicurativi poco efficienti e tra i più costosi presenti sul mercato.

Consiglio vivamente di evitare questi prodotti come fossero maledetti: sono di pessima qualità sia per il versamento del TFR sia per il versamento di contributi volontari.

Se avete sottoscritto un PIP vi consiglio caldamente di contattarmi per un’analisi gratuita il prima possibile, la vostra pensione è a rischio!

Richiedi una consulenza previdenziale e scopri come aumentare la tua pensione futura in modo certo.

La scelta del fondo

In caso di neo assunzione, la scelta va compiuta entro 6 mesi, altrimenti vale il concetto del silenzio assenso e tutte le regole dette in precedenza.

Escludendo i pessimi PIP, la scelta ricade sui fondi pensione aperti e sui fondi negoziali.

I fondi pensione negoziali hanno l’enorme vantaggio di beneficiare del versamento extra da parte del datore di lavoro.

In pratica se si decide di versare, oltre al TFR, una quota volontaria minima, l’azienda è obbligata a fare lo stesso.

In pratica è come ottenere un’aumento di stipendio che andrà anch’esso dedotto in fase di dichiarazione.

I fondi pensione aperti, se scelti con cura, possono offrire un rendimento maggiore rispetto a quelli negoziali grazie ai loro comparti azionari più aggressivi. Ovviamente la cura e l’attenzione nella scelta devono essere ai massimi livelli.

Molti fondi pensione aperti hanno costi elevati che erodono i rendimenti in maniera considerevole. Quindi bisogna stare attenti.

Conclusioni

In questa guida abbiamo esposto tutti i vantaggi che si possono ottenere attraverso una corretta gestione del TFR e come scelte sbagliate possono avere ripercussioni sul nostro benessere.

Si evince che trasferire in TFR all’interno di un fondo pensione di qualità, sia negoziale sia aperto, ed escludendo i PIP, ci permette di risolvere il grave problema del GAP previdenziale ottenendo una vita futura migliore e numerosi vantaggi nell’immediato.

Vuoi parlare con me? Prenota una call e scopri come migliorare i tuo investimenti

0Commenti

    Lascia un commento

    I nostri consulenti

    Tutti iscritti all’albo e indipendenti per vocazione, i nostri consulenti saranno al tuo servizio per farti raggiungere i tuoi obiettivi finanziari. Sono specializzati su risparmio, investimenti e protezione e ti proporranno le soluzioni più adeguate al tuo caso specifico e al tuo orizzonte temporale.

    Parla con un consulente
    giulia_ferretti
    ManuelBellomio
    Giovanni_Raineri
    Andrea_Stancanelli
    SaverioRotella