HomeBlogI fondi Amundi e il loro andamento
Fondi amundi

I fondi Amundi e il loro andamento

Amundi è una società di asset management controllata da Crédit Agricole che il 1 ° gennaio 2010 insieme a Sociètè Générale per fusione dei loro asset management, dopo aver avuto il via libera dalla Commissione europea, danno vita alla società n° 8 al mondo per asset management e la prima in Europa come fornitore di soluzioni di risparmio e investimento per le reti bancarie al dettaglio.

Con l’acquisto, finalizzato ad inizio del 2022, di Lyxor Asset Management danno vita al secondo più grande provider di ETF in Europa.

Siamo partiti presentando il gestore oggetto di questo articolo.

Nel corso della lettura andremo a vedere più da vicino ciò che spesso e volentieri troviamo all’interno del portafoglio di una persona che si interfaccia con il mondo Amundi.

L’andamento dei fondi Amundi

Amundi, come dicevano, è una società di asset management controllata da Crédit Agricole.

Le soluzioni di investimento Amundi sono sottoscrivibili presso le filiali del Gruppo Bancario Crédit Agricole Italia e Unicredit, nonché presso i più importanti intermediari, tra i quali le principali reti di promozione finanziaria e private banking operanti in Italia.

Questa veste di promotore crea quella condizione che prende il nome di conflitto d’interesse, nel caso in cui avete fondi che hanno come gestore Amundi, molto probabilmente sarete clienti di una di queste due banche.

Il titolo, quotato nella borsa di Parigi, sta scambiando ad un valore di 47€. Il movimento del prezzo, dal momento del suo lancio, è stato pressoché nullo.

Come si stanno comportando i principali fondi Amundi da inizio anno e qual è il loro andamento?

Vediamo insieme qualche esempio:

  • Amundi Europa (-12%)
  • Amundi America (-7%)
  • Amundi Pacifico (-13%)
  • Amundi Italia (-14%)
  • Amundi Selezioni Benessere (-9%)
  • Amundi Primo Investimento (-8%)

Alcune riflessioni sull’andamento dei fondi Amundi e sui fondi comuni d’investimento

Più dell’80% della gestione attiva viene sovraperformato dal suo mercato di riferimento nel lungo periodo. Questa percentuale può variare a seconda di dove investe lo strumento.

Il costo che viene applicato per la gestione di questi prodotti è circa del 2,5%.

A confronto ci sono prodotti che avendo la stessa esposizione al mercato verrebbero a costare circa 10 volte in meno.

Dopo aver visto a livello statistico quali sono le probabilità che un fondo comune, quindi anche un fondo Amundi, possa battere l’indice di riferimento, andiamo ora a capire la qualità dei fondi, a livello commissionale, in tutto il mondo.

Lascio a voi le conclusioni..
Amundi andamento

Facendo un passo indietro, spieghiamo che cosa sono i fondi comuni d’investimento.

Immaginiamo di avere di fronte a noi un contenitore (indice di mercato), dove al suo interno sono presenti un numero finito di azioni (per esempio 100).

Il gestore che crea un fondo comune d’investimento andrà a scegliere quelle che secondo lui, tra le 100 azioni,  potranno sovraperformare quell’indice di riferimento (contenitore).

Come abbiamo visto all’inizio di questo paragrafo, solamente sapendo di avere la probabilità e la statistica contro, per quale motivo io dovrei investire in prodotti simili? Per quale motivo dovrei consigliare strumenti simili?

Di motivi non ce ne sono perché essendo indipendente il mio unico obiettivo è quello di essere libero da ogni conflitto d’interesse.

Richiedi l’analisi gratuita dei tuoi investimenti e scopri quanto puoi risparmiare ogni anno.

Le minusvalenze

Le Minusvalenze sono le perdite che realizziamo a seguito della compravendita di strumenti finanziari. Rappresentano un credito fiscale che puoi recuperare attraverso la compensazione con successive plusvalenze.

La gestione della fiscalità porta notevole valore aggiunto e rende ancora più efficiente il controllo sul tuo portafoglio. È un aspetto della pianificazione finanziaria a cui noi consulenti finanziari indipendenti diamo notevole importanza

E molto spesso, chi ha fondi Amundi in portafoglio, ha anche parecchie minus: basti ricordare l’andamento pessimo di tali fondi.

Minusvalenze in scadenza: come funzionano

Solitamente quando si decide di aprire un conto titoli, la banca applica il regime amministrato. Ossia quest’ultima si occupa della parte fiscale e dunque, sarà la banca a fare da sostituto d’imposta e tu non dovrai inserire nulla nella dichiarazione dei redditi.

Nel momento in cui si andrà a vendere uno strumento, si potranno verificare due casi:

  • vendi ad un prezzo maggiore rispetto all’acquisto e realizzi una plusvalenza (capital gain);
  • vendi ad un prezzo inferiore di quando hai comprato e avrai una minusvalenza.

Come recuperare le minusvalenze da fondi Amundi

Andiamo a capire se possiamo utilizzare tutti gli strumenti per sfruttare questo credito d’imposta.

Purtroppo no.

La fiscalità italiana fa una distinzione tra prodotti finanziari che creano “redditi di capitale” e strumenti che creano “redditi diversi“.

Questa differenza non è solo nozionistica, bensì anche fiscale, dal momento che le minusvalenze possono essere prodotte da tutti gli strumenti finanziari. Viceversa, possono essere recuperate solamente con strumenti che producono “redditi diversi”.

Generano “redditi di capitale” e quindi non possono compensare minusvalenze:

  • Cedole obbligazionarie;
  • Dividendi da Azioni;
  • ETF;
  • Fondi comuni d’investimento;

Generano, invece,“redditi diversi” e, dunque, consentono di recuperare minusvalenze:

  • Azioni;
  • Certificati;
  • Derivati;
  • ETC;
  • Obbligazioni;

fondi amundi

Passiamo ad esempio pratico per farti meglio comprendere il tutto.

Ho comprato 100 azioni del titolo Beta a 10 euro, investendo complessivamente 1.000 Euro. Ho rivenduto il titolo a 9 euro (controvalore 900 Euro), subendo una perdita (minusvalenza) di 100 euro. Pochi giorni fa ho venduto:

  • ETF” Wisdomtree ….” con guadagno di 1.300 Euro;
  • Azione “Beta” con un guadagno di 800 Euro

Dal punto fiscale che cosa è accaduto?

La plusvalenza derivante dal ETF costituisce un reddito di capitale. Pertanto quello che pagherai sarà sempre e comunque il 26% su 4.500 Euro di capital gain, pari ad una tassazione di 338 Euro. Viceversa il capital gain prodotto dal titolo Beta costituisce un reddito diverso.

Quindi andrai a compensare la minusvalenza pregressa e pagherai le tasse solo su 700 Euro (800 – 100).

Vuoi parlare con me? Prenota una call e scopri come migliorare i tuo investimenti

Polizze assicurative di investimento: cosa sono e perché evitarle?

Oggi parleremo di polizze assicurative di investimento, soffermandoci sulle caratteristiche di ogni singola polizza assicurativa. Scopriremo le varie tipologie di polizze e il perché investire in polizze assicurative non conviene. Esistono 3 tipologie di polizza assicurativa, ognuna con le sue caratteristiche: Ramo I tipicamente collegata ad una Gestione Separata Ramo III sono polizze assicurative di […]

Come far lavorare i soldi per noi e costruire una rendita mensile, anche partendo da zero

Come sarà la strada che ci permetterà di far lavorare i soldi per costruire una rendita proveniente dai nostri investimenti? Sarà lunga e non facile, soprattutto se partiamo da zero, ma tuttavia non impossibile. Sarà fondamentale compiere passo dopo passo le azioni giuste e il tempo sarà nostro alleato, se saremo costanti. E per generare […]

ETF: possono fallire? Ecco i 4 Rischi

Capita spesso che agli investitori si dica:  “Devi conoscere a fondo uno strumento prima di comprarlo” Gli ETF sono senza dubbio lo strumento più efficiente a disposizione sul mercato per poter investire i propri risparmi. Tuttavia, prima di investire i tuoi soldi in questi strumenti devi comprenderne i vantaggi ma prima di tutti i rischi. […]