Società di Consulenza Finanziaria Indipendente

HomeBlogQuando conviene investire in borsa?
18032022_italiani_non_investono_no_opportunità

Quando conviene investire in borsa?

In un momento storico come questo, tra pandemia e tensioni geopolitiche, molte persone si chiedono “quando conviene investire in borsa?”

Non prevedendo il futuro, in quanto nessuno è in grado di sapere anticipatamente come si muoveranno i mercati finanziari.

Basandoci su dati storici possiamo però dire che le borse mondiali nel corso degli anni tendono ad aumentare il loro valore.

Questo ci può suggerire che nel medio-lungo termine dai nostri investimenti molto probabilmente avremmo un guadagno. 

Purtroppo però, come si può osservare dai dati Consob dal “Rapporto 2021 sulle scelte di investimento delle famiglie italiane”, solo un italiano su tre investe.

Gli altri due terzi invece perdono questa opportunità per diversi motivi che andremo ad analizzare in  questo articolo.

Eliminiamo il problema: quando conviene investire?

 

Il 43% degli italiani intervistati non investe perché sostiene di non avere soldi.

Questo ci fa capire purtroppo che l’investimento è ancora visto come una cosa da “ricchi”, da milionari e non da persone comuni.

In realtà investire è alla portata di tutti in quanto si può partire con soli 100€ al mese.

Anzi proprio chi non è “ricco” dovrebbe concentrarsi sul risparmio ed investimento. Così potrà accumulare ed accrescere il proprio capitale.

Facciamo un esempio.

Ipotizzando di risparmiare e dedicare all’investimento 100€ al mese per 30 anni potremmo ritrovarci con:

  • 36.000 € effettivamente risparmiati
  • 80.000 € di interessi generati dal mercato
  • Per un totale di circa 115.000 €

Non male vero?

Investendo poi con cadenza periodica abbiamo il grandissimo vantaggio di non doverci preoccupare di quando investire in borsa.

Ci limiteremo a seguire il piano che ci siamo dati.

Spesso infatti i ragionamenti che una persona fa quando deve investire e che poi la fermano dal farlo sono due:

  • Se il mercato sta salendo: non investo perché è già salito troppo
  • Se il mercato sta scendendo: non investo perché continuerà a scendere 

Andando ad investire una piccola quantità al mese questa preoccupazione può essere eliminata.

Infatti si comprerà sia quando il mercato sta salendo sia quando sta scendendo, facendo la media.

Richiedi l’analisi gratuita dei tuoi investimenti e scopri quanto puoi risparmiare ogni anno.

Scarsa educazione finanziaria; gli italiani non sanno se come o quando investire

Andando avanti con le motivazioni che portano gli italiani a non investire troviamo, con un totale del 20% (sempre più in crescita), la mancanza di conoscenze finanziarie e la mancanza di fiducia nel sistema bancario.

Negli ultimi 15 anni la liquidità presente sui conti correnti degli europei è aumentata notevolmente.

Noi italiani non facciamo eccezione: c’è una crescita costante che ha subito un’accelerazione tra il 2008 e il 2009.

Erano gli anni a cavallo dell’ultima forte recessione globale

Questa tendenza è proseguita poi anche con la pandemia.

Una volta investire era molto più semplice!

Era sufficiente recarsi in una qualsiasi filiale bancaria e sottoscrivere Titoli di Stato.

Oppure andare alle Poste ed acquistare dei buoni fruttiferi postali per ricevere in cambio rendimenti elevati e senza rischi.

Banche o Poste erano garanzia assoluta e il dipendente bancario o il direttore di banca era considerato come il grande esperto di cui ci si poteva fidare ad occhi chiusi.

Aggiungiamo poi che gli immobili crescevano sempre di valore e otteniamo un mondo perfetto. 

società di consulenza finanziaria

Quando investire se non ci sono certezze

Tutte queste certezze oggi non esistono più: i rendimenti garantiti sono e saranno anche negli anni futuri prossimi allo zero.

Abbiamo capito anche che le Banche possono fallire ( vedi Banca Etruria, Banca Popolare di Vicenza, Carichieti).

Ci siamo resi sempre più conto che i bancari e i dipendenti delle Poste sono venditori di prodotti finanziari.

E sono lì per fare i soli interessi dell’intermediario per cui lavorano, più che per fare consulenza.

Per tutte queste motivazioni gli italiani preferiscono tenere la propria liquidità sul conto corrente.

E non sanno però quanto potrebbero beneficiare da un consulenza finanziaria personalizzata fatta da un consulente finanziario indipendente.

Questa figura, venendo pagato direttamente dal cliente, è libero da qualsiasi forma di conflitto di interesse e il suo unico obiettivo è solamente quello di fare il meglio per il cliente.

La consulenza infatti non è vendita di prodotti, ma analisi della situazione familiare, patrimoniale e lavorativa del cliente, che si collega ai suoi obiettivi di investimento, orizzonti temporali e propensione al rischio. 

Una frase che mi è sempre piaciuta è “Ricorda che se fallisci nella pianificazione stai pianificando il tuo fallimento.

 

Quando conviene investire in Borsa più che nel mattone

L’11% degli intervistati non investe in borsa perché preferisce l’investimento immobiliare.

Queste persone dicono che è più redditizio, ma quanta verità c’è in questa frase? Scopriamolo.

Lo sappiamo, noi italiani andiamo matti per il mattone, mattone che è sempre stato l’investimento principe negli anni passati, ma purtroppo non è tutto rosa e fiori, anzi.

Il mercato immobiliare è anch’esso condizionato dalla legge domanda / offerta.

Richiede un’economia in crescita accompagnata da un buon incremento demografico.

Come ogni investimento in determinate condizioni può restituire dei rendimenti negativi. 

Ci sono un sacco di spese nascoste tra tasse e bolli a cui non si pensa. 

Da tutto questo, e dalla scarsa esperienza che molti hanno in questo campo, possiamo capire che ottenere dei rendimenti non è una garanzia, anzi.

Nella situazione italiana, fatto salvo alcune città come Milano, i prezzi sono in un trend decrescente da un bel po’ di tempo. quando conviene investire

Quando conviene investire per affittare?

Tante persone amano l’immobiliare anche per la rendita che possono avere da un affitto.

Qui la domanda che ci si deve porre è questa.

Al netto di tutti i costi e tasse, che rendimento annuale ho sul capitale investito per l’acquisto?

Altre tipologie di investimento invece che rendimenti medi annui possono generare?

Fatte queste domande possiamo avere un quadro più chiaro della situazione.

Non dimentichiamo poi che un investimento in immobili richiede decisamente molto più tempo ed è più complesso.

Inoltre ci espone a diversi rischi, tra cui la difficoltà nel vendere l’immobile, oppure problemi con l’inquilino che non paga l’affitto.

E tu, cosa aspetti per iniziare ad investire?

Vuoi parlare con me? Prenota una call e scopri come migliorare i tuo investimenti

0Commenti

    Lascia un commento

    I nostri consulenti

    Tutti iscritti all’albo e indipendenti per vocazione, i nostri consulenti saranno al tuo servizio per farti raggiungere i tuoi obiettivi finanziari. Sono specializzati su risparmio, investimenti e protezione e ti proporranno le soluzioni più adeguate al tuo caso specifico e al tuo orizzonte temporale.

    Parla con un consulente
    Federico_Michielotto
    ManuelBellomio
    DanieleApollinaro
    Paolo_Maugeri
    Andrea_Stancanelli