Rectangle 269
Fondo pensione

Guida completa

Miglior fondo pensione

Il fondo pensione è una forma di previdenza complementare che ti permette di accumulare un capitale da destinare all’integrazione della tua pensione principale. Si tratta di una soluzione sempre più richiesta dagli italiani, vista la riduzione delle pensioni pubbliche e l'incertezza sul futuro. Ma come scegliere il miglior fondo pensione? In questo articolo ti aiutiamo a capire se il fondo pensione fa al caso tuo.

Cos'è il fondo pensione

Il fondo pensione è una forma di risparmio a lungo termine che ha lo scopo di integrare la pensione pubblica, garantendo un reddito supplementare al momento del pensionamento. Il fondo pensione si basa sul principio della contribuzione definita, ovvero il capitale che si riceve dipende solo dai versamenti effettuati e dai rendimenti ottenuti dagli investimenti. Il fondo pensione è gestito da soggetti privati, come banche, assicurazioni. Il fondo pensione è volontario, ma in Italia è incentivato dallo Stato, attraverso agevolazioni fiscali.

La pensione integrativa ha diversi vantaggi, tra cui la possibilità di aumentare il tuo reddito futuro, di beneficiare di vantaggi fiscali, di avere flessibilità e personalizzazione. La pensione integrativa si può attivare in diversi modi, a seconda della tipologia: fondo pensione negoziale, aperto o PIP. Per aderire alla pensione integrativa, bisogna valutare la propria situazione, scegliere la soluzione più adatta e sottoscrivere il fondo. La pensione integrativa è una scelta importante, che richiede una pianificazione e una consulenza adeguata.

CTA GENERICA (4)

Perché scegliere il fondo pensione?

Ci sono diversi motivi per cui conviene scegliere il fondo pensione, tra cui:

  • Aumentare il proprio reddito futuro, considerando che la pensione pubblica sarà sempre più bassa a causa del sistema contributivo, dell’aumento dell’aspettativa di vita e della crisi demografica infatti, secondo le stime dell’OCSE, il tasso di sostituzione, ovvero il rapporto tra la pensione e l’ultimo stipendio, passerà dal 58% del 2019 al 48% del 2050. Questo significa che la pensione pubblica coprirà solo una parte del reddito che si percepiva da lavoratori, e che sarà necessario integrarla con altre fonti.
  • Beneficiare di vantaggi fiscali, sia sui versamenti che sui rendimenti i versamenti sono deducibili dal reddito imponibile fino a un limite di 5.164,57 euro annui (che aumentano ancora per i lavoratori con prima occupazione dal 2007). I rendimenti sono tassati al 20%, una percentuale inferiore rispetto ad altre forme di investimento. Inoltre, la rendita è soggetta a una tassazione agevolata, che varia in base all’età di pensionamento e alla durata del piano.
  • Avere flessibilità e personalizzazione potendo scegliere la tipologia, la modalità e la frequenza dei versamenti, il profilo di investimento, la forma e la durata della rendita e le opzioni di riscatto anticipato. Il fondo pensione si adatta alle esigenze e alle preferenze di ciascun risparmiatore, offrendo una gamma di soluzioni diverse.

Se sei giovane non procrastinare: è oggi il momento giusto per iniziare a pianificare il tuo futuro previdenziale. Con un orizzonte temporale di 20/30 anni si possono fare grandi cose con i fondi pensione. Vuoi costruire il miglior percorso previdenziale per te? Scegli la nostra consulenza pensionistica.

Come funziona il fondo pensione?

Il fondo pensione funziona in modo semplice: si versano dei contributi a un soggetto gestore, che li investe sui mercati finanziari secondo il profilo di rischio scelto.

Il capitale accumulato viene poi restituito al momento del pensionamento, sotto forma di rendita o di capitale, a seconda della scelta dell’aderente. Il fondo pensione può essere di tipo retributivo, contributivo o misto, a seconda del sistema di calcolo della prestazione:

  • il sistema retributivo si basa sulla media delle ultime retribuzioni percepite dal lavoratore, moltiplicata per una percentuale che dipende dagli anni di contribuzione. Questo sistema è più vantaggioso per chi ha una carriera retributiva in crescita, ma è anche più esposto al rischio di sostenibilità finanziaria del fondo.
  • il sistema contributivo si basa sul totale dei contributi versati dal lavoratore, rivalutati secondo il tasso quinquennale di variazione del PIL, moltiplicati per un coefficiente di trasformazione che dipende dall’età del lavoratore. Questo sistema è più equo e trasparente, ma anche più sensibile alle fluttuazioni dei mercati finanziari.
  • il sistema misto combina i due sistemi precedenti, applicando il retributivo ai contributi versati fino a una certa data (di solito il 31 dicembre 1995) e il contributivo ai contributi versati successivamente.

Tipologie di fondi pensione

Esistono diverse tipologie di fondi pensione, che si differenziano per il soggetto che li istituisce, per i requisiti di accesso e per le caratteristiche di gestione. Vediamole nel dettaglio:

  • fondi pensione chiusi sono riservati a specifiche categorie di lavoratori, in base al settore di appartenenza, al territorio o all’azienda. Sono istituiti da accordi o contratti collettivi di lavoro tra le parti sociali (sindacati e datori di lavoro). I fondi pensione chiusi hanno dei vantaggi, tra cui la possibilità di beneficiare del contributo del datore di lavoro, che si aggiunge a quello del lavoratore e al TFR (Trattamento di Fine Rapporto) eventualmente conferito al fondo, la possibilità di scegliere tra diverse linee di investimento, a seconda del profilo di rischio e dell’orizzonte temporale del lavoratore e i costi molto contenuti
  • fondi pensione aperti sono accessibili a tutti i lavoratori e anche a chi non ha ancora iniziato a lavorare. Sono istituiti da soggetti privati, come banche, assicurazioni o società di gestione del risparmio. I fondi pensione aperti hanno dei vantaggi, tra cui la possibilità di scegliere liberamente il fondo e il profilo di investimento, tra le diverse offerte disponibili sul mercato e la possibilità di cambiare il fondo o il profilo di investimento, in qualsiasi momento, senza costi o penalità.
  • PIP sono i Piani Individuali Pensionistici, che sono delle forme di pensione integrativa personalizzate, che consentono al risparmiatore di scegliere il gestore, il profilo di investimento, la durata e la forma della rendita. I PIP sono offerti dalle assicurazioni e costano mediamente più degli altri fondi pensione.

11 strumenti gratuiti

Incrementa il tuo assegno pensionistico futuro

Trasforma la tua pensione futura: da un assegno pubblico troppo basso a una rendita vitalizia ottimizzata per avere un tenore di vita molto più alto. Scopri come azzerare il Gap Previdenziale e vai in pensione in anticipo!

Accedi al caveau gratis
Caveau Previdenza – bundle

Come scegliere il miglior fondo pensione?

Per scegliere il miglior fondo pensione, bisogna innanzitutto valutare la propria situazione personale, professionale e finanziaria, e definire i propri obiettivi di risparmio e di rendita. Poi, bisogna confrontare le diverse offerte disponibili sul mercato, tenendo conto di alcuni criteri, come:

  • la tipologia di fondo pensione: chiuso, aperto o PIP. Ogni tipologia ha dei pro e dei contro, a seconda delle proprie esigenze e preferenze. In generale i fondi pensione aperti e i PIP offrono una maggiore flessibilità e personalizzazione, ma anche dei costi di gestione più elevati
  • il rendimento del fondo pensione: è il guadagno o la perdita che il fondo pensione ha ottenuto nel tempo, investendo i contributi dei partecipanti. Il rendimento dipende dal profilo di investimento scelto, che può essere più o meno rischioso, e dall’andamento dei mercati finanziari. Il rendimento va valutato in modo storico, ossia considerando i risultati ottenuti negli anni precedenti, e in modo prospettico, ossia considerando le previsioni per il futuro. Il rendimento va anche confrontato con quello di altri fondi pensione simili, e con quello di altri strumenti di investimento alternativi.
  • i costi di gestione del fondo pensione: sono le spese che il fondo pensione applica ai partecipanti per la gestione del capitale e per l’erogazione della rendita. I costi di gestione possono variare in base al tipo di fondo pensione e al profilo di investimento. I costi di gestione incidono sul rendimento finale del piano, e quindi vanno minimizzati il più possibile.

Come aderire al fondo pensione?

Per aderire al fondo pensione, bisogna innanzitutto valutare la propria situazione personale, professionale e finanziaria, e definire i propri obiettivi di risparmio e di rendita. Poi, bisogna scegliere il fondo pensione più adatto alle proprie esigenze, confrontando le diverse offerte disponibili sul mercato, in base ai criteri che abbiamo visto prima. Infine, bisogna firmare e consegnare l’apposita documentazione al soggetto gestore, versando i contributi previsti e monitorando periodicamente l’andamento del proprio piano. In generale è consigliabile affidarsi a un consulente finanziario qualificato, che possa offrire una guida e un supporto personalizzati.

6 benefici immediati della consulenza previdenziale

  • analizzare la propria situazione patrimoniale, reddituale e fiscale, e definire i propri obiettivi di risparmio e di rendita.
  • selezionare il fondo pensione più adatto alle proprie esigenze, confrontando le diverse offerte disponibili sul mercato, in base ai criteri di tipologia, rendimento, costi e condizioni.
  • compilare e firmare il modulo di adesione al fondo pensione scelto, e allegare la documentazione richiesta, come la copia del documento di identità, del codice fiscale, del contratto di lavoro, ecc.
  • monitorare periodicamente l’andamento del proprio piano, consultando il rendiconto annuale e il sito web o l’app del gestore.
  • modificare le proprie scelte, se necessario, comunicando al gestore la propria volontà di cambiare il profilo di investimento, la modalità e la frequenza dei versamenti, la forma e la durata della rendita, i beneficiari in caso di morte, ecc.
  • riscattare il proprio capitale, se possibile, comunicando al gestore la propria volontà di ricevere il capitale accumulato, in tutto o in parte, prima o al momento del pensionamento.
Richiedi ora la consulenza previdenziale
pensione2

+2.500 clienti soddisfatti

Leggi le recensioni dei nostri clienti

Cosa sapere sui fondi pensione?

Cos'è un Fondo Pensione?

Il Fondo Pensione è uno strumento di investimento che mira a garantire un’integrazione al reddito pensionistico per i suoi aderenti. Funziona raccogliendo i contributi dei partecipanti nel corso della loro vita lavorativa e investendoli in strumenti d’investimento per generare rendimenti. In sostanza, è uno strumento di accumulo previdenziale volto a fornire un sostegno finanziario durante la pensione.

Le informazioni chiave includono:

  • Scopo di garantire un reddito pensionistico migliore.
  • Raccolta di contributi durante la vita lavorativa.
  • Investimento dei fondi per generare rendimenti.

Come posso aderire a un Fondo Pensione?

Per aderire a un Fondo Pensione, è necessario seguire alcuni passaggi chiave. In primo luogo, è fondamentale individuare un Fondo Pensione che si adatti alle proprie esigenze e preferenze. Successivamente, è richiesto il completamento di moduli di adesione forniti dal fondo prescelto. Infine, è necessario versare i contributi secondo le disposizioni del fondo.

Le informazioni chiave includono:

  • Identificare un Fondo Pensione adatto.
  • Compilare i moduli di adesione forniti.
  • Effettuare contributi regolari.

Quali sono le opzioni di investimento disponibili?

I Fondi Pensione offrono solitamente diverse opzioni di investimento, dalla più aggressiva alla più prudente, per soddisfare le esigenze di una varietà di partecipanti. Tra le opzioni comuni ci sono azioni, obbligazioni e fondi comuni di investimento. La scelta delle opzioni di investimento dovrebbe essere guidata dal proprio orizzonte temporale, dalla propria tolleranza al rischio e dagli obiettivi finanziari.

Le informazioni chiave includono:

  • Diverse opzioni di investimento disponibili.
  • Azioni, obbligazioni e fondi comuni di investimento come opzioni comuni.
  • Scelta basata sull’orizzonte temporale, l’appetito per il rischio e gli obiettivi finanziari.

Come posso monitorare le performance del mio Fondo Pensione?

Monitorare le performance del tuo Fondo Pensione è cruciale per garantire che il tuo piano pensionistico sia sulla giusta traiettoria. I fondi pensione forniscono annualmente un report che dettaglia l’andamento degli investimenti e l’evoluzione dell’importo accumulato. Inoltre, molte piattaforme online consentono agli aderenti di accedere alle informazioni sulle performance in qualsiasi momento.

Le informazioni chiave includono:

  • Necessità di monitorare regolarmente le performance.
  • Dichiarazioni periodiche fornite dal Fondo Pensione.
  • Accesso online per verificare le informazioni sulle performance in qualsiasi momento.